Sentiamo spesso parlare degli effetti negativi e positivi dei videogiochi sulla nostra mente, ma quanti di voi veramente riescono a percepirli?

E’ risaputo che come in ogni cosa l’eccesso guasta. Il problema piu comune che l’abuso di videogiochi puo portare è lo stato di stress accompagnato da ansia. Ma come superarlo? Il percorso per superare questa “Situazione” o “stato” mentale non è facile, sopratutto se non si ha la giusta forza di volontà. Nel corso di questi topic vi porteremo delle testimonianze dirette e di come ne sono usciti, sperando di aiutare qualcuno che magari non ha il coraggio di parlarne. Iniziamo da me. A me è capitato un particolare momento della mia vita di accusare in modo piuttosto pesante gli effetti di ansia e stress causati da i videogame o meglio ancora dalla “competizione” da videogame. Si manifestano alcune volte come attacchi di panico o stati d’ansia e possono essere molto fastidiosi. Addirittura dopo sessioni troppo lunghe mi capitava anche di continuare a vedere i momenti salienti della mia giornata di allenamento quando chiudevo gli occhi per andare a dormire. Ma poi, dormire? E chi ci riusciva! Alcune volte arrivavo ad un punto talmente strano in cui anche solo guardare la tv mi dava proprio fastidio. Ovviamente la prima cosa che si fa quando queste cose non passano è farsi tutte le visite del caso per accertarsi che non si abbiano veri e propri problemi fisici, quindi come si puo dedurre, fare tutti i controlli del caso e sapere che non avevo nulla e che il fattore che mi provocava quegli stati non era fisiologico ma solo mentale e derivato dallo stress mi ha rassicurato moltissimo e pian piano è tornato tutto alla normalità. Certo qualche seduta da uno psicologo mi ha aiutato molto a superare quello stato, ma sopratutto a non ricaderci piu. Sapete, confrontarsi con uno psicologo non è roba da matti e non c’è nulla di cui vergognarsi. Lo stress gioca brutti scherzi e se non lo si prende nella giusta maniera a lungo andare puo portare anche problemi ben piu gravi. Si hanno ricadute ogni tanto? Certamente! Ed è del tutto normale! Non c’è nulla di strano e nulla di cui proccuparsi in questo. “Come vengono poi se ne rivanno”, questo è il mio motto. Quel periodo in un certo senso mi ha anche stimolato. Stimolato nel voler far meglio e mi ha dato la giusta carica per non abbandonare, anzi migliorare e contribuire alla crescita del gaming in Italia. E’ stato difficile certo, quasi come far passare ad un claustrofobico la paura degli spazi chiusi. La strada sicuramente è ancora tutta in salita, ma sono sicuro che una volta in vetta la vista sarà mozzafiato. Il mio consiglio per tutte quelle persone che affrontano un periodo di stress ed ansia è: Parlatene! Usate i social come valvola di sfogo per parlare delle vostre sensazioni ed aiutare chi magari ancora non ha il coraggio di farlo. Questa è una piccola parte della mia storia, spero possa aiutare chi ne ha bisogno.

Pat